lunedì 17 febbraio 2014

La leggenda del Bravo Venditore

Ore 9 di questa mattina: con i miei due colleghi mi fermo a prendere un caffè alla macchinetta che c'è in corridoio. Mentre dall'ufficio di sopra si sente l'Altissimo gridare perchè gli ordini sono come sempre in ritardo sulla tabella di marcia, ecco che arriva lui, il Bravo Venditore ,solerte e solare come sempre, canticchiando " Che fretta c'era maledetta primavera ". Ci auguriamo che questa non sia la risposta che intende rifilare all'Altissimo in merito al ritardo di cui sopra.. ma a lui tutto è concesso , è un outsider, senza regole, non lo puoi imbrigliare in procedure, programmi e calendari, che lo soffocano e ne inibiscono la naturale creatività. Mentre quello di sopra, in preda all'esasperazione,  sta probabilmente ribaltando la scrivania di radica del 1805 ( ma perchè non scegliamo Ikea che almeno ci danno i piedini di ricambio e non dobbiamo deforestare il Belize ogni volta che rompe un tavolo? mah..) il Bravo Venditore non fa una piega: qualsiasi cosa succeda lui non è mai coinvolto, cosa dico coinvolto, nemmeno sfiorato. Pensate che l'hanno mandato in Corea quando iniziavano a tirare missili tra nord e sud e lui non si è neppure accorto: l'ufficio del personale pensava di trovarlo rifugiato dal Console e lui girava per sushi bar e fotografava grattacieli. Dovrebbero metterlo a capo della Protezione civile, non  tanto per l'esperienza quanto per la totale imperturbabilità  con cui attraversa ogni evento negativo. Per darvi un'idea di quanto sia sconnesso col mondo, dico solo questo: mentre stavamo prendendo il caffè e lui stava lì a raccontare di Dubai e delle spiagge dorate ( forse lavora per un'Agenzia di viaggi e passa da noi solo per il caffè) , dalla saletta di fianco esce un orientale dall'aria sperduta, che ci saluta con un piccolo inchino e chiede in inglese dov'è il bagno. Glielo indichiamo e lui si allontana.  Il Bravo Venditore scuote la testa con aria di disappunto e dice:
" certo che questi giapponesi, che abitudini, chiedere funghi a quest'ora del mattino...sono ben strani..e lo dico io che , modestamente, ho girato il mondo"
Noi tre ci guardiamo e non riusciamo a decifrare il commento. Poi abbiamo avuto un'illuminazione.
Il giapponese chiedeva Men's room ( toilette) e lui capiva Mushroom ( funghi)
E' davvero superlativo. Una leggenda ormai.

4 commenti:

  1. il Bravo Venditore è il mio mito

    RispondiElimina
  2. vero! è una figura mitologica...metà uomo metà rimborso spese :-))

    RispondiElimina
  3. Da noi quando il figlio del padrone era un idiota senza arte ne' parte
    lo si mandava a fare il commerciale, facevano i rappresentanti o gli ispettori alle vendite, portavano a cena i clienti e poi tutti a zoccole.
    Se gli capitava di vendere qualcosa lo sbandieravano per mesi ma di solito era più la rimessa che il guadagno.

    RispondiElimina
  4. il bello è che il Bravo Venditore non è neanche parente di qualcuno che comanda!! pensare che ha fatto carriera lui è consolante, c'è proprio posto per tutti...

    RispondiElimina