martedì 5 giugno 2018

Quizzone

So che vi piacciono i sondaggi e anche i quiz...bene vi propongo subito un quesito a scelta multipla che scatenerà, son certa, discussioni e confronti tra i partecipanti. Allora, la domanda è: "quale di queste attività NON è stata proposta dall'azienda ai dipendenti nell'ultima newsletter inviataci da Divana ( l'assistente del Direttore Generale)?"

  1. corso di meditazione orientale da tenersi una volta alla settimana ,in sostituzione della pausa pranzo (la concentrazione favorisce l'autocontrollo e quindi anche il digiuno, lo dice l'insegnante , anche se lei poi passa dalla mensa a ritirare il sacchetto coi panini)
  2. concorso di fotografia  dal titolo "Cogli l'attimo!", tutti sono invitati ad immortalare momenti della giornata lavorativa e/o simpatiche situazioni così frequenti sul luogo di lavoro" ( ma quando mai??)
  3. corso di cucina creativa ( forse tenuto dal cuoco della mensa , Vito, autore del best- seller " 101 modi di cucinare il riso in bianco" , che ha eguagliato il successo del precedente " Cibo scaduto: pregiudizi e leggende metropolitane ")
  4. corso di inglese intensivo per tutti i dipendenti
Su, provateci, guardate che non è difficile indovinare....

lunedì 7 maggio 2018

Lista degli invitati

Ieri mattina ho avuto modo di approfondire un tema importante, solo a prima vista superficiale, lo definirei piuttosto uno spunto per un'analisi sociologica di un certo spessore. Anzi se c'è uno studente alla ricerca di un titolo per la tesi glielo fornisco subito: " Come è cambiato il concetto di abito da cerimonia dagli anni '60 ai giorni nostri. Sottotitolo: ma la gente gli specchi in casa ce li ha ancora ? se si, li copre forse con drappi di velluto? " Il tutto nasce dal fatto che verso le 11 io e il tripode ci troviamo a passare dalla piazza del paese, dove ovviamente c'è anche la chiesa da cui,esattamente in quel momento, usciva una folla di gente chiaramente in assetto da cerimonia . Mentre Rocky si concentrava sulle quattro aiuole antistanti , ho potuto valutare con estremo interesse l'estetica dell'invitato medio ed ho elaborato una mia personale statistica . Badate non è gossip, qui c'è materia anche per psicologi . Allora , analizzando le invitate femminili ho stilato questa classifica in base alla ripetitività dello stile.
3° posto: invitata in abito da sera. Anche a mezzogiorno porta l'abito lungo,con un leggero strascico. Sopra porta  un mantello: non indossandolo abitualmente ,sembra piuttosto che stia salendo dalla spiaggia con l'asciugamano sulle spalle perchè in borsa pesa troppo.  L'insieme sarebbe eccessivo  anche al ballo della Croce Rossa di Montecarlo e non aggiungo altro.
2° posto: invitata in abito con corpetto in paillettes  , fusciacca in vita con nastri, gonna in tulle molto vaporosa. Colori: tutti ( e  meno male che ne vediamo solo sette) . L'unica spiegazione è che abbia partecipato ad una gara di rumba il sabato sera e non abbia fatto in tempo a cambiarsi.
infine a netta maggioranza.. 1° posto : invitata in pantaloncini con giacca e scarpe tacco quindici. Deduco che dietro congrua offerta da noi si possa entrare in parrocchia anche in bikini. Siamo orgogliosamente democratici in questo.
Purtroppo dal lato maschile non ho notato questa  standardizzazione, per vostra cultura personale vi dico che va molto la giacca bianca stretta in vita , su pantalone nero , corredata di sciarpa in seta avorio portata con quella disinvoltura che vi caratterizza da sempre. Se poi incontrate una con un cane un pò strano che vi fissa e prende appunti non fateci caso.

mercoledì 18 aprile 2018

il Personaggio Misterioso

Questa è di stamattina: arrivo in azienda , in ritardo marcio ( ma perchè tutta la Lombardia e forse anche qualche esponente del Canton Ticino sente il bisogno di recarsi in mandria al Salone del Mobile? Hanno tutti l'ansia di arredare la taverna? mi va benissimo, ma perchè partire tutti insieme alle 8 e intasare la tangenziale?? non potete fare un pò a turni? che poi non comprate nemmeno due mensole...) Comunque, visto il ritardo mi fiondo sulle scale senza attardarmi oltre. Con la visione periferica intercetto una figura quantomeno insolita piazzata in reception. Rallento e con la banale scusa di cercare il badge in borsa , mi fermo ad osservare il soggetto.
Un tizio vestito con soprabito di pelle nera lungo fino alle caviglie, stivali neri con fibbia metallica, capelli raccolti in una crocchia artistica, valigetta anch'essa nera ovviamente piazzata sotto braccio.
Occhiali neri a completare la mise.
Ricordo che siamo in un'azienda prettamente metalmeccanica , dove il più originale è quello che ha le scarpe anti-infortunio blu anziché nere .
Dal sondaggio  immediatamente scaturito tra colleghi , le ipotesi più votate in merito al Personaggio Misterioso sono le seguenti:

  1. credeva di partecipare ad un flash mob sul film  Matrix ma ha ricevuto le coordinate sbagliate e si è ritrovato in azienda da noi
  2. era uno scultore emergente che ha saputo dei nostri ultimi investimenti in pseudo - opere d'arte ed è arrivato di corsa a presentarci il suo catalogo ( probabilmente installazioni di grandissimo valore artistico realizzate coi cucchiaini in plastica della mensa, come niente gli diamo 5.000€ sulla fiducia)
  3. credeva di andare al Salone del Mobile, ma ha sbagliato strada, è finito da noi ed è tuttora convinto di essere stato al Salone del Mobile ( tornerà a casa e penserà :" i mobili non erano granchè ma le opere d'arte... tutte di altissimo livello")
  4. era il consulente di immagine del Bravo Venditore
  5. pensandoci bene, era il Bravo Venditore
Via col televoto!

mercoledì 28 marzo 2018

Brutte sorprese

Con la fine di Marzo, insieme alla Pasqua , arrivano anche i premi aziendali. Non per noi ovviamente ,che ci farebbero pagare anche l'acqua del dispenser in corridoio, i premi sono per i venditori ( che sembra facciano tutto loro, basta prendere l'ordine poi di produrlo, controllarlo, fatturarlo, e magari farsi pure pagare dal cliente non interessa a nessuno , qualcuno lo farà, ma non è importante-secondo loro). E perciò, pieno di speranze ( mal riposte) chi fa capolino sull'uscio? certamente lui, il Bravo Venditore. Si apre l'ascensore ed eccolo che appare, incede lungo il corridoio salutando a destra e a sinistra, alzando la manina  e dando pacche sulle spalle a chiunque incroci, sembra una via di mezzo tra la regina Elisabetta e un presidente americano in visita alle truppe, fa battute ( stupide) , fa domande (ancora più stupide), ride a sproposito.
Finita la sceneggiata, entra nel nostro ufficio, appoggiandosi allo stipite con la giacca sulla spalla e ammicca col sopracciglio alzato ( deve aver visto qualche film con Belmondo e sta tentando un'imitazione penosa). Ed ecco che arriva la domanda fatidica:
- Ragazzi, solo una domanda, così giusto per un controllino.. quanto ho fatto di vendita a Febbraio? 
- Due
- Due milioni? ( e già gli vedi il dollaro nelle pupille)
-No , duemila euro. Abbiamo rifatturato l'albergo ad un tuo cliente
Silenzio e un leggero tremolio del sopracciglio
- Ah...si infatti.. è vero.. mi torna perfettamente ( ma figurati). Si, infatti , devo aver chiuso tutti i progetti su gennaio. Quant'è che ho fatto a Gennaio?
-Zero
- ....cioè?
-Hai presente quel numero tondo, a volte barrato in modo da renderlo chiaramente riconoscibile in quanto nullità? Ecco , quello.

Il ritratto della disperazione signori, credetemi, il ritratto.

lunedì 12 marzo 2018

Spunti di riflessione

Abbiamo avuto la pessima idea di pubblicare sulla pagina FB del canile le foto dei sei cuccioli che abbiamo  al momento. Non vi dico cosa si è scatenato: tutto un mondo di personaggi assolutamente inaffidabili,sia di persona che al telefono. Uno voleva ordinare un cane come se fosse una Quattro Stagioni, al telefono e via ,senza troppe formalità. Una voleva la garanzia assoluta che il cane potesse vivere almeno 15 anni, altrimenti il figlio sarebbe rimasto traumatizzato al punto da non riprendersi più.Ma il migliore è stato quello che mi ha chiesto:
-scusi di che razza sono?
- meticci
- ah..e restano meticci per sempre?

Io a questi nemmeno una formica gli farei adottare.

mercoledì 7 marzo 2018

Controlla gli ingredienti

Capisco che in questi giorni il dilemma principale riguarda la composizione futura dell'( eventuale ) governo di questo paese, ma io vorrei andare un pò controcorrente e richiamare la vostra attenzione su un problema ancora più angosciante. Vi spiego l'antefatto: il Tripode è noto per essere un fanatico assaggiatore di qualsiasi cosa trovi sul suo cammino, con una spiccata propensione per tutto ciò che agli occhi di noi profani ispira un sano disgusto. In particolare predilige:
  •  avanzi di cibo abbandonato da almeno una settimana 
  •  sgocciolamento di bidoni di rifiuti (in particolare , ovviamente, quello dei sacchetti dell'umido)
  • manine di bambino notoriamente appiccicose
  • cacche di  erbivori ( sulle quali gioiosamente si rotola)
  • terra di sentiero percorsa nottetempo da puzzole
  • tutto ciò che sia vicino alla putrefazione, meglio se esposto al sole da diverse settimane
Ma..attenzione ..e qui il colpo di scena.. se provo a dargli una fetta  di pancarrè , (all'apparenza un innocuo bauletto di pane confezionato) inizia ad indietreggiare , mi guarda con gli occhi fuori dalle orbite , annusa l'inerte fetta bianca , arriccia il naso schifato, annusa di nuovo,poi mi guarda e fugge.
Io vi ho avvisati.

ps: chi vuole un toast?

mercoledì 21 febbraio 2018

La stagione dei capolavori

Dopo il capolavoro numero 1 ( scultura riproducente scorie di dinosauro) e il capolavoro numero 2 ( quadro di metallo infestato dal tetano) poteva mancare il capolavoro numero 3?
Certamente no. E infatti.. questa mattina entro in azienda e con la coda dell'occhio intravedo un'ombra sinistra che preclude lo sguardo e si frappone tra me e il bancone della reception.
Lì, nell'angolo tra una poltrona e una vetrata, svetta una sorta di lapide marmorea e funesta. Mi guardo in giro. Vuoi vedere che abbiamo cambiato prodotto ? ( o, come direbbe il Bravo Venditore "core business") Penso già di congratularmi con il Direttore Generale ( l'Invisibile, che infatti non è in azienda) per la scelta lungimirante e audace, ma sì, bando ai luoghi comuni e alle superstizioni, visto come vanno gli affari non bisogna fare tanto i sofisticati. Abbiamo anche i due artisti quotati che hanno già prodotto i capolavori di cui sopra.. sbaragliamo la concorrenza.  Mentre sono lì che osservo la lapide, sulla quale tra l'altro campeggia anche una targa in ottone con le date in evidenza,  la signora della reception mi dice:
- Visto che bella? la inaugurano domani
- ma cosa? la lapide? - rispondo io
- ahahah-  ride -  lei ha sempre voglia di scherzare
Veramente era uno dei rari momenti in cui ero visibilmente seria, d'altra parte l'argomento lo richiedeva anche.
- E' la nuova scultura che mettiamo qui in reception, all'entrata, così tutti la possono ammirare   .
Ma ammirare cosa? il cippo funerario? . Sono perplessa.
- Ha visto?-mi dice la signora - ci sono anche le date di fondazione dell'azienda e di quando abbiamo costruito la nuova sede.
Ecco cos'era la targa. Complimenti per la scelta di raro buon gusto.
- E' stata selezionata fra trenta progetti!- squilla lei.
Non avevo dubbi. E sicuramente avremo pagato anche gli altri 29.
Me ne vado sconsolata. Mentre salgo le scale vedo un gruppo di quotatissimi colleghi che circonda il monumento con grande interesse, annuendo con aria da esperti come se passassero metà del loro tempo da Sotheby's tutti i giorni.Visto dall'alto sembra il monolito che precipita sulla Terra all'inizio di 2001 Odissea nello Spazio. Avete presente la scena? Quella con  le scimmie intorno....
Ecco.