domenica 5 luglio 2015

Sarà il caldo?

Ieri ho assistito a questa scena nel piccolo supermercato-erboristeria dove vado di solito ( per la serie il caldo ha effetti davvero devastanti, oppure non è il caldo e la gente sta impazzendo di suo).
Sono in fila alla cassa e ho due persone davanti a me. La cassiera chiede alla prima signora :
-Vuole fare la tessera del negozio? così accumula punti e sconti
e questa un pò infastidita
-si..va bene..
-ok mi serve il suo nome e domicilio
e la signora gridando:
-cosa??? ma siamo matti?? e io secondo lei dò il mio indirizzo così..davanti a tutti???
e la cassiera intimorita:
-beh ma guardi che non mi serve altro che il nome e il comune di residenza...
-ah si e la privacy??? dove la mettiamo questa tanto sbandierata privacy??? io le dò il nome e l'indirizzo e magari questa signora qui ( indicando la tizia che la seguiva in coda) mi entra nel giardino e mi sale sul balcone!! così poi mi trovo la casa svuotata..

La tipa dietro sbarra gli occhi: ovviamente non ci sta ad essere additata a topo di appartamenti,  molla giù il cestino con tisane e bacche di gogji  e comincia a gridare anche lei:
- ma come si permette??? io entrare in casa sua? ma mi chieda scusa piuttosto!
- ma quali scuse! io facevo un esempio.. per dire... eh se poi lei si sente chiamata in causa vuol dire che non ha la coscienza a posto!!!

non so come è finita
io ho rimesso nello scaffale i succhi di mirtillo e le gallette al farro e sono uscita.
Forse la cassiera le ha proposto  l'offerta speciale sull'estratto di camomilla e malva. Un calmante ci voleva di sicuro.


5 commenti:

  1. Si in effetti anche un esorcista ci stava bene

    RispondiElimina
  2. ma questa chi l'ha sciolta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In coda alla cassa la gente si trasforma....questa però devo dire che li batte tutti....temevo un finale tipo "Un giorno di ordinaria follia"

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina